il 23 Luglio scorso il Presidente ENS Sicilia, Angelo Quattrocchi, il Segretario Regionale Dott. Camillo Frizza  sono stati accolti presso l'Assessorato Regione Siciliana della Famiglia e delle Politiche Sociali, dal neo Autorità Garante delle Persone con Disabilità Sicilia, Avv. Maurizio Benincasa.  

Il suo primo giorno di lavoro presso l'Ufficio del Garante, ha  visto il suo impegno nell'affrontare una delle tante tematiche sulla disabilità, i diritti reali che devono essere resi effettivi ed esigibili in ogni ambito sociale.

Un pomeriggio intenso cui sono stati discussi e soprattutto condividisi richieste ed esigenze delle persone sorde, delle famiglie e con maggiore occhio di riguardo,  bambini frequentanti ogni ordine e grado degli istituti scolastici.

Un buon inizio che si auspica divenire continuativo e collaborativo tra le associazioni rappresentati e di tutela delle disabilità e una figura importante che ci avvicina alle pubbliche amministrazioni governative.

Buon Lavoro caro Maurizio, saprai essere all'altezza del ruolo ricoperto e soprattutto tutelare i diritti di noi persone disabili.

 

4e7fe76a-8e3c-4d45-aab6-9b26a72f9082.JPG

 

55ffe3f8-e1fb-45c0-a853-7c5239b2ea3b.JPG

 

il 23 Luglio scorso il Presidente ENS Sicilia, Angelo Quattrocchi, il Segretario Regionale Dott, Camillo Frizaa  sono stati accolti presso l'Assessorato Regione Siciliana della Famiglia e delle Politiche Sociali, dal neo Autorità Garante delle Persone con Disabilità Sicilia, Avv. Maurizio Benincasa.  

Il suo primo giorno di lavoro presso l'Ufficio del Garante, ha  visto il suo impegno nell'affrontare una delle tante tematiche sulla disabilità, i diritti reali che devono essere resi effettivi ed esigibili in ogni ambito sociale.

Un pomeriggio intenso cui sono stati discussi e soprattutto condividisi richieste ed esigenze delle persone sorde, delle famiglie e con maggiore occhio di riguardo,  bambini frequentanti ogni ordine e grado degli istituti scolastici.

Un buon inizio che si auspica divenire continuativo e collaborativo tra le associazioni rappresentati e di tutela delle disabilità e una figura importante che ci avvicina alle pubbliche amministrazioni governative.

Buon Lavoro caro Maurizio, saprai essere all'altezza del ruolo ricoperto e soprattutto tutelare i diritti di noi persone disabili.

 

4e7fe76a-8e3c-4d45-aab6-9b26a72f9082.JPG

 

55ffe3f8-e1fb-45c0-a853-7c5239b2ea3b.JPG

 

 

 

 Aggiornamento dello stato attuale  dei locali ENS siti in Via Aquileia 30, Palermo,  dopo l'alluvione che ha colpito la città di Palermo il 15 Luglio 2020 

 

Il Governatore della Regione Siciliana, visto gli sbarchi dei migranti avvenute negli ultimi giorni, chiede aiuto all'Italia per aumentare i controlli per il maggiore contenimento e gestione del virus COVID19, assumendo una nuova ordinanza che istituisce aree speciali nei porti.

<<Chiediamo controlli e cordoni di Polizi>> dichiara il Presidente Musumeci << la nuova ordinanza istituisce aree speciali nei porti in cui avvengono gli sbarchi e stabilisce un protocollo per una #SiciliasiCura per la salute dei cittadini e dei migranti.>>

 

 

L’Ente Nazionale Sordi Onuls Consiglio Regionale Sicilia comunica che è stato nominato dall’Assessore On. Scavone,  il nuovo Autorità Garante per le persone con disabilità Regione Sicilia nella persona dell’Avv. Maurizio Benincasa.  
L’ENS Sicilia ringrazia il lungo lavoro fatto dalla Dott.ssa Gambino che ha saputo rappresentare con merito e delicatezza i bisogni delle persone con disabilità presenti sul territorio siciliano.

Si auspica di intraprendere una fattibile collaborazione con l’Avv. Benincasa, già Presidente della Federazione Italiana Rete Sostegno e Tutela dei diritti della persona con disabilità, per rappresentare i bisogni delle persone sorde, e si augura nel contempo un buon inizio di lavoro in qualità di nuovo Autorità Garante delle persone con disabilità.  

 

 

 

http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_Assessoratofamigliapolitichesocialielavoro/PIR_Infoedocumenti/PIR_Decreti/PIR_2020/D.A.%2058%20DEL%2003%2007%202020%20Nomina%20Autotit%E0%20Garante%20%20della%20pe.pdf

 
Contrariamente a quanto riportato da alcuni organi di stampa, il riferimento di cui ai servizi per l'infanzia e l'adolescenza previsto nell'articolo 2 dell'ordinanza n. 25 del presidente della Regione, secondo cui "è consentita l’attività a decorrere dal 22 giugno 2020, previo decreto attuativo dell’assessore regionale della Famiglia e delle politiche sociali, d’intesa con l’assessore regionale per la Salute, da emanarsi entro il 21 giugno 2020 la cui riapertura è posticipata a giorno 25 giugno", non riguarda i cosiddetti centri estivi, ossia luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative.
Pertanto, sono consentite dal 15 giugno 2020 le attività dei centri estivi, essendo espressamente previsto dall'articolo 1, let. c, del Dpcm 11 giugno 2020 che "è consentito l'accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, anche non formali, al chiuso o all'aria aperta, con l'ausilio di operatori cui affidare la custodia e con obbligo di adottare appositi Protocolli di sicurezza predisposti in conformità alle Linee guida del dipartimento per le Politiche della famiglia di cui all'allegato 8".
Tale richiamo della normativa nazionale è già contenuto nell’ordinanza, sicchè appare del tutto infondato il timore rappresentato da alcuni operatori di settore. Si aggiunga, inoltre, che la Sicilia ha deciso di anticipare anche l’apertura degli altri servizi al 22 giugno, mentre a livello centrale non è prevista.
Lo chiarisce una circolare a firma del capo della Regione Siciliana - Dipartimento Regionale della Protezione Civile, Calogero Foti.

Si ritorna sempre di più alla normalità in #Sicilia. Visto l’andamento della situazione epidemiologica, il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha firmato una nuova ordinanza che, a partire da lunedì, consentirà il riavvio, nell’Isola, di numerose attività economiche e sociali.
🕺🏻 In particolare, potranno riaprire: sale giochi, sale scommesse e sale bingo; sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, nonché le fiere e i congressi; centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei Livelli essenziali di assistenza che sono erogate nel rispetto della vigente normativa), centri culturali e centri sociali; comprensori sciistici; servizi ristorazione; attività dei servizi alla persona; stabilimenti balneari e spiagge di libero accesso.
👕 E ancora: commercio al dettaglio; attività ricettive; commercio al dettaglio su aree pubbliche (mercati e mercatini degli hobbisti); uffici aperti al pubblico; piscine; palestre; manutenzione del verde; musei, archivi e biblioteche; strutture ricettive all’aperto (campeggi); rifugi alpini; attività fisica all’aperto; noleggio veicoli e altre attrezzature; informatori scientifici del farmaco; aree giochi per bambini; circoli culturali e ricreativi; formazione professionale; cinema e spettacoli dal vivo; Parchi tematici e di divertimento; sagre e fiere locali; professioni della montagna (guide alpine e maestri di sci) e guide turistiche.
👶🏻 Riguardo ai servizi per l’infanzia e per l’adolescenza, l’attività sarà consentita a decorrere dal 22 giugno, previo decreto attuativo dell’assessore regionale delle Politiche sociali, d’intesa con quello della Salute, da emanarsi entro domenica 21. Tutte le attività consentite, per prevenire il rischio di contagio, devono svolgersi secondo le modalità disciplinate della Linee guida.
⚽️ Lo svolgimento degli sport di contatto potrà ripartire da sabato 20 giugno, nel rispetto delle disposizioni di prevenzione del contagio previste nell’ultimo decreto del presidente del Consiglio dell’11 giugno, e previo decreto attuativo dell’assessore regionale dello Sport, d’intesa con quello della Salute, da emanarsi entro giovedì prossimo.
🛒 Restano invariate le disposizioni precedenti in materia di prolungamento dell’orario di apertura e rinuncia al giorno di chiusura, mobilità e trasporti, prevenzione sanitaria.

 

 

È stata istituita, presso l'Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale, su impulso del Presidente della regione Nello Musumeci e a seguito di autorizzazione da parte della giunta di governo, una Task force di esperti per guidare la riapertura delle scuole a settembre, tenendo conto dell'emergenza epidemiologica ancora in atto.

«L'iniziativa, asseverata dalla giunta regionale, è volta alla creazione di un articolato e vasto gruppo di lavoro che avrà lo scopo di elaborare, coerentemente con le indicazioni che verranno fornite a breve dal governo nazionale e in raccordo con il Comitato tecnico-scientifico per l'emergenza Coronavirus istituito dalla Regione Siciliana, le linee-guida e le direttive finalizzate a permettere il ritorno in aula degli studenti in condizioni di adeguata sicurezza.
Ritengo sia necessario - spiega l'assessore Roberto Lagalla - adoperarsi sin da subito per consentire un inizio di anno scolastico in grado di garantire serenità ai discenti, alle loro famiglie e al corpo docente ma che non sacrifichi il rapporto diretto tra alunno e insegnante, il cui valore educativo non può essere sostituito dalla DAD, senza pregiudizio per il successo formativo. La didattica a distanza rappresenta, e continuerà a rappresentare, un'importante apertura delle scuole alle più innovative metodologie didattiche che inevitabilmente costituiranno, da oggi in poi, una irrinunciabile integrazione delle mutate strategie di erogazione dell'offerta formativa».

In particolare, la Task force si occuperà di formulare proposte riguardanti i necessari interventi di adeguamento e degli ambienti scolastici, di possibile utilizzo della didattica a distanza, di interventi specifici per i servizi educativi rivolti alla scuola 0-6 anni e di provvedimenti speciali riguardanti i soggetti con disabilità o in condizioni di particolare disagio educativo.

Il gruppo, che presterà la propria collaborazione a titolo gratuito, sarà presieduto da Adelfio Elio Cardinale, già Sottosegretario di Stato alla Salute e Vice Presidente del Consiglio superiore di Sanità, ex Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia della Università di Palermo e, tra gli altri, ne faranno parte: Stefano Suraniti, neo Dirigente Generale dell'Ufficio Scolastico Regionale, Leoluca Orlando, Sindaco metropolitano di Palermo e Presidente regionale ANCI, Giovanni Puglisi, Presidente del Comitato regionale delle Università siciliane e Rettore dell'Università Kore di Enna, Domenico Di Fatta, dirigente scolastico e componente della Task force nazionale istituita presso il Ministero dell'Istruzione, Maurizio Franzò, delegato regionale della Associazione Nazionale Presidi (ANP) e le rappresentanze dei sindacati e delle principali organizzazioni della scuola pubblica e privata, degli studenti, delle associazioni delle famiglie, nonché esperti di vari settori e delegati degli Assessorati regionali aventi competenze nelle materie oggetto dei lavori della Task force.

http://pti.regione.sicilia.it/portal/pls/portal/docs/151385998.PDF

 

L’app per un’estate serena. Nasce "Sicilia Si Cura", così il sistema sanitario prende in carico i turisti e tranquillizza i siciliani. Video interviste al Presidente Musumeci e al coordinatore del progetto Guido Bertolaso.

Sito web e app per telefonino hanno lo stesso nome: “Sicilia Si Cura”. Lo scopo è quello di consentire alla Regione Siciliana di Monitorare chi arriva nell´isola con la ripresa dell´attività turistica e fornire assistenza in caso di bisogno

Il progetto è stato illustrato stamattina nel corso di un incontro si è svolto a Palazzo d’Orleans. Il Presidente della Regione, Nello Musumeci, assieme agli assessori alla sanità, al turismo e alle attività produttive, ha illustrato il funzionamento dell’app al cui sviluppo ha partecipato l’ex capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, su invito dello stesso Musumeci. “Il turista è il primo ad avere interesse all’uso dell’app – ha tenuto a precisare Guido Bertolaso – ed è facile da usare. Tra l’altro stiamo lavorando per implementarla”.

“Non prevediamo sanzione perché siamo certi che i turisti collaboreranno”, ha concluso Bertolaso.

Il funzionamento di “Sicilia Si Cura” è piuttosto semplice: con il proprio telefonino chi arriva in Sicilia comunica la sua presenza nell’isola e indica il proprio stato di salute. Con questa operazione si stabilisce un primo contatto con il sistema sanitario della Regione: “Tramite le indicazioni date dal turista il sistema sanitario apprende con una sorta di pre triage notizie utili sulla salute e sull’area frequentata dal visitatore”, ha detto l’Assessore alla Salute Ruggero Razza, che per il suo intervento si è avvalso del supporto di alcune diapositive.

La nuova app è una sorta di aggiornamento della versione precedente, utilizzata anche per chi è rientrato in Sicilia nella fase acuta della pandemia. Un investimento contenuto ma ad alto valore strategico. 

 

 

 

 
🚶🏻‍♂️🚪 Via libera alla mobilità tra Regioni e stop alla quarantena anche in #Sicilia. Lo stabiliscono, appena firmati, un decreto ministeriale ed una ordinanza del presidente della Regione Siciliana.
✈️👮🏻‍♂️Il ministro per le Infrastrutture, di intesa col ministro per la Salute, ha provveduto a regolamentare la mobilità su tutto il territorio nazionale ed i controlli sanitari nei porti e aeroporti.
⛱🌊 Con la sua ordinanza, Musumeci ha confermato la apertura della stagione balneare a partire dal prossimo 6 giugno.
🚦🌡Disco verde a tutte le attività già autorizzate, ma soprattutto ha posto fine alla quarantena obbligatoria per quanti fanno rientro in Sicilia a partire da domani (3 giugno), per i quali permarrà la sorveglianza sanitaria e l’obbligo di avvisare il medico di famiglia in caso di insorgenza di sintomi riconducibili al #Covid19.
🚫📱Sono alcune delle misure più importanti contenute nell’ordinanza del governatore della Sicilia, che di fatto allenta in maniera significativa le restrizioni previste per contenere il #Coronavirus, senza tralasciare l’importanza dei controlli e della registrazione sui portali dedicati per tutti coloro che fanno rientro nell’Isola.
«Ci uniformiamo alle direttive nazionali - ha detto Musumeci - non senza rivendicare la specificità di alcune misure regionali. Che sono importanti anzitutto per dare serenità a quanti arrivano nell’Isola. Il sistema sanitario deve essere il motore della ripartenza, ma abbiamo il compito di infondere sicurezza e serenità ai cittadini, senza dimenticare l’epidemia, ma provando a rimettere in moto le attività produttive e turistiche».
In Sicilia, quindi, il via libera agli spostamenti infra ed interregionali si accompagna a precise regole che saranno contenute nel progetto SiciliaSiCura, che verrà presentato, a Palazzo Orleans, domani alle ore 11.30, dal presidente Musumeci con  e alla presenza degli assessori 
Poco prima il governatore incontrerà, nella Sala Alessi, le associazioni di categoria perché, ha chiarito, «la Regione vuole essere un supporto concreto e non un limite. Vogliamo dare competitività al nostro sistema e sicurezza nei comportamenti collettivi e individuali».
L’ordinanza pubblicata oggi, inoltre, contiene novità per chi lavora in Sicilia e deve muoversi sul territorio nazionale (e viceversa): anche se non è più obbligatoria la quarantena, restano alti i controlli da parte dei dipartimenti di Prevenzione delle Asp territoriali.
🏊‍♂️🍽 Fra le novità, anche il via libera da domani a piscine e strutture termali che erogano i cosiddetti Lea (Livelli essenziali di assistenza). Consentite pure le lezioni pratiche delle autoscuole e per il conseguimento delle patenti nautiche. Confermato anche il riavvio dell’attività di catering, a partire dal prossimo 8 giugno.
🦠😷 Ovviamente, permangono gli obblighi di osservanza delle misure di contenimento del contagio, come ad esempio la disponibilità della mascherina, che ogni cittadino dovrà tenere sempre con sé ed usare quando viene meno il distanziamento interpersonale.
🛍 🛒 Per quanto riguarda i Centri commerciali e i supermercati, l’apertura nei giorni festivi sarà regolamentata, entro sabato 6 giugno, in base alle indicazioni che organizzazioni datoriali e sindacali, già attivate, forniranno al dipartimento regionale delle Attività produttive.